La seconda vita dello stile Veneziano

I mobili da bagno, sebbene forse di secondaria importanza rispetto ai classici sanitari, sono l’x factor, l’emento chiave capace di dare una propria dignità ad una stanza utile sì, ma anche decorativa quale il bagno.
Ovviamente fare una scelta non è mai semplice ma del resto, quando mai è semplice scegliere uno stile da seguire per la propria abitazione?

Molti sostengono che forse la banalità dell’arredamento moderno sia fuori luogo in una casa davvero creativa, e sta tornando in gran spolvero, con una scia ventosa e modaiola, lo stile veneziano.

Pensando a Venezia, gli stili più ovvi che sono universalmente riconosciuto sono il Rococò ed il Barocco, dove l’apparenza era ben più importante della effettiva utilità della mobilia.
E’ inoltre bene ricordarsi che il Barocco, sviluppatosi tra il 1600 ed il 1700 era diffusissimo tra le corti nobiliari, prevalentemente tra i nobili veneziani, la cui architettura di palazzo era un tutt’uno con la pittura (Tintoretto, Amigoni) e la musica (Vivaldi e la sua primavera su tutti) classicamente di stampo veneziano.

Ora la crisi sta inducendo a rinunziare alla mobilia moderna, in quanto proibitiva per molte famiglie che non possono permettersi tali sacrifici specie se con uno o più figli a carico, e si sta ripiegando in maniera sostanziali sull’antiquariato ed i validi prodotti che esso può offrire.

Per chi è amante dello stile classico, è doveroso tenere in considerazione questo tipo di arredamento da bagno, fatto da rialti, mensole e specchi sontuosi.

Le linee sono generalmente molto generose e morbidamente curvate secondo uno stile ormai consolidato da secoli che ci porta cronologicamente indietro alla Venezia del massimo splendore, quando il gusto tutto italiano di ‘fare la casa’ influenzava in toto il sentimento comune delle grandi capitali europee.

Cosa caratterizza la linea di prodotti per il bagno in stile veneziano?
Innanzitutto il prezzo.

Per un prodotto di media/buona fattura c’è davvero l’imbarazzo della scelta ed è possibile tornare a casa soddisfatti senza preoccuparsi troppo della spesa.

I mobili da bagno inno al glamour e alla sicurezza

Secondo la maggioranza delle persone che si ritrova a dover ideare la sistemazione di una casa nuova, il bagno è quella stanza che pur nella sua ovvietà di uso, reca più incertezze.

A prescindere che sia stato scelto o meno un arredamento moderno piuttosto che minimal-chic o addirittura rustico, la scelta degli elementi della stanza sanitaria è sempre foce di Amletici dubbi stile “Essere o non essere”.

Ovviamente un consiglio che mi sento di dare, è quello di trattare l’abitazione come una vera e propria persona.
Dato che non vestireste mai vostro figlio con capi sempre diversi e di differenti colori per ogni parte del corpo, la casa merita lo stesso trattamento.
Rispettatela e scegliete una linea generale da seguire, mischiare più di una tendenza rischia di trasformare la vostra “home sweet home” in un qualcosa di invivibile.

Se avete scelto uno stile moderno per il vostro bagno, la casa di produzione per mobili sanitari ha ciò che fa per voi!
Per descrivere i nuovi prodotti sul mercato non è sufficiente limitarsi alle apparenze, è preferibile analizzarli in ogni sua componente.

Il suddetto modello di mobili è composto da un lavello in materiale ottimo e versatile per il design innovativo e glamour, che per questo prodotto si tinge di un caldo “glacier ice”, il quale grazie ad un sistema di illuminazione interna può diventare una vera e propria fonte di luce diffusa.
Il piano, rigorosamente in ebano, gli fa da cornice esaltando la purezza dei materiali.

Per accendere la luce, sarà sufficiente sfiorare il fianco destro del lavabo, in modo da non temere per nessuna ragione della propria sicurezza.

Inoltre, le sue cassettiere ed i suoi vani interni rispetto allo specchio, garantiscono un’abbondanza di spazio ben organizzato da gestire come preferito.

Dal punto di vista scuriti, il mobile risponde a degli eccellenti requisiti facendo sparire finalmente prese di corrente ed interruttori a parete.
Per accendere la luce sarà sufficiente sfiorare come già detto il fianco destro del piano mentre le prese elettriche hanno alloggio all’interno di un vano pensile, dotato di una radio AM/FM integrata ed una basetta per i-pod.